Hobby Allevamento Canarini & Cardellini di Gianni e Enzo

galleria foto Gianni
galleria foto Enzo
consigli utili
altro

IL vaiolo del canarino

L'unica patologia che più di altre preoccupa noi allevatori è il vaiolo. Il virus del vaiolo del canarino(canary- poxvirus) appartenente al genere Avipox, colpisce solo il canarino e il fringuello ed è assolutamente innocuo nei confronti dell'uomo.I sintomi che accompagnano questo virus si palesano sotto due forme diverse tra loro:

1) FORMA CUTANEA : meno grave presentandosi sotto forma di papule o pustole vaiolose sulle parti prive di piumaggio come: zampe,palpebre,becco.

2) FORMA RESPIRATORIA: più grave della precedente colpisce le vie respiratorie e digerenti.Si presenta sotto forma di membrana molto aderente alla mucosa dando problemi alla respirazione e nello stesso tempo ostacola il passaggio del cibo. Dal momento in cui il canarino è affetto da questo virus, non ci sono cure per rimediare al problema.

A volte durante la decorrenza, qualche soggetto potrebbe guarire da solo diventando immune a questo virus (caso eccezionale). Io consiglio di vaccinare sempre i nostri beniamini cosi gli diamo la possibilità di una vita tranquilla e senza sofferenza (cosa che questo virus da sicuramente).

Purtroppo devo riconoscere che pochi anzi pochissimi allevatori vaccinano facendomi pensare che sono poco sensibili alle conseguenze che può causare questo virus. Purtroppo a causa di questa poca sensibilità, i pochi allevatori che lo fanno, hanno perso la possibilità di reperire il vaccino in Italia che grazie alla FOI era riuscita ad ottenere tramite una società Olandese una produzione per noi italiani. Un consiglio che vi posso dare è quello di tenere in quarantena i nuovi arrivi in allevamento per evitare più problemi possibili. VACCINATE, VACCINATE, VACCINATE prevenire è meglio che curare.

Per la felicità di noi allevatori che vacciniamo, si è tornati a produrlo in Italia.

Per chi volesse imparare a vaccinare ecco delle foto in seguenza

...

..................1..confezione del vaccino ................................................................................aspirazione del diluentenfezione del vaccino

...

..............versare il diluente nel vaccino liofilizzato...........................................................dopo aver versato il diluente agitare bene

.....................

.....aspirare la soluzione rosa e versarla nell'apposito cappuccio.................................. intingere la forchetta nella soluzione rosa .....iii........iiiiii...in.......intingere la forchettiiia

..

..........avvicinare alla plica alare la forchetta intinta nel vaccino .............fare oltrepassare la forchetta nel petagio senza lesionare i muscoli

.

fase della vaccinazione con la collaborazione di Vincenzo Scarpone

La disinfezione

Nel caso in cui qualcuno subisse la disavventura di introdurre il virus del vaiolo nel suo aviario tramite un canarino infetto, gli accorgimenti necessari per porre rimedio alla presenza di questo virus sono: disfarsi di tutti i canarini non preventivamente vaccinati, affrontare un duro lavoro per eliminare ogni eventuale focolaio presente in allevamento. Sarà un lavoro molto faticoso e dispendioso in più anche pericoloso per la nostra salute. Il sistema di disinfezione che vi consiglierò va preso con molta serietà per due motivi fondamentali:

1) bisogna disinfettare qualsiasi attrezzatura con massima attenzione senza trascurare ogni minimo particolare .

2) I prodotti chimici che sto per elencarvi sono tossici per l'uomo per cui bisogna manipolarli con molta cura.

I disinfettanti da usare sono: ipoclorito di sodio (candeggina), formaldeide (formalina), idrossido di sodio (soda caustica). Personalmente consiglierei la candeggina perché più comune facilmente da reperire e meno dannosa. Sono tre prodotti idrosolubili quindi di facile uso. Nel consigliarvi l'uso della candeggina per la disinfezione, cercherò di spiegarvi come usarla.

La candeggina da usare può essere reperita in qualsiasi supermercato (per uso casalingo)e va usata in due modi: diluito al 50% con acqua oppure allo stato puro. Prima di agire con il disinfettante, come prima cosa bisogna smontare ogni componente all'interno dell'allevamento tipo: neon, punti luce, infissi, porte, carrelli, tavolini ecc.perché ci possono essere dei punti di ricovero per il virus.

Una volta fatto ciò, si può passare all'uso della candeggina usando allo scopo un'irroratore a zaino manuale usato in agricoltura. Va irrorato con massima attenzione ogni angolo cavità ecc. per evitare focolai nascosti essendo un virus molto resistente. Durante questa operazione, sarebbe buona cosa indossare una maschera antigas visto che la candeggina è un prodotto che evapora molto facilmente causando dei disturbi alle vie respiratorie.

Non indossate le comuni mascherine che si trovano in commercio perché non sortiscono nessun effetto protettivo contro le esalazioni anzi le trattengono.
Se non si è in possesso di maschere antigas, un rimedio può essere il seguente: trattenete il respiro il più possibile e nello stesso tempo irrorate il più che potete e uscite subito. In questo modo potete riscontrare un solo problema momentaneo la perdita del gusto causato dalle esalazioni per qualche ora.

Per quando riguarda le attrezzature tipo: mangiatoie, beverini, posatoi ecc., utilizzate una vasca o un contenitore che ritenete più adatto pieno di acqua e candeggina, immergete il tutto senza limite di tempo perché essendo in plastica non subiscono alterazioni. Mentre per le gabbie il procedimento è un po' diverso perché essendo zincate, vanno immerse non più di 20 minuti tempo necessario per distruggere il virus, in più senza recare danni alle stesse.

Per le porte infissi punti luce ecc., vanno irrorate insieme alle pareti. Dopo questo duro lavoro, tutte le attrezzature disinfettati con la candeggina tranne le pareti vanno sciacquate abbondantemente con acqua corrente. Una volta finito, l'allevamento va fatto arieggiare per circa un mese prima di reinserire i nuovi canarin per evitare eventuali intossicazioni. Vi assicuro che è un lavoro duro e pericoloso per la nostra salute per via dei prodotti chimici da usare. A questo punto mi viene da formularvi questa domanda: è meglio perdere un'ora per vaccinare, o affrontare questo duro lavoro e i rischi che comporta? A voi la risposta. Vi allego alcune foto delle attrezzature da usare.

...
.....

iiiriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii iiiiiiiiiiiiiiaa..i...............mmirroratrice a zaino iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiizzzaaaadddiiiiiirroratrice ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooHome pageoooooooojjjjjjjja zaino e candllllggina........................................