Hobby Allevamento Canarini & Cardellini di Gianni e Enzo

galleria foto Gianni
galleria foto Enzo
consigli utili
altro

 

 

IL MIO PASTONCINO


Da due anni non uso più il pastoncino all’uovo nel periodo della riproduzione dei miei canarini perché non lo appetivano molto nonostante vari cambiamenti di formula. Ho sostituito lo stesso con il cous cous e ho notato che ne vanno ghiotti e imbeccano i piccoli senza problemi fino a pulire tutta la mangiatoia. Da quando uso il cous cous non ho più scarto e in più a fine stagione le femmine sono belle grasse e non sembrano stressate dalla stagione riproduttiva. Allevare con il cous cous è anche più economico visto che lo si può reperire nei discount a buon prezzo (circa un euro e trena al kg) a differenza di un buon pastoncino che costa il doppio.

La formula da me adottata:


300g. di cous cous.

4 uova sode da 60g. l’uno.

Misto di semi germinabile quanto basta (girasole piccolo nero, miglio bianco, canapa e niger in parte uguali

10 g di un multivitaminico in polvere.

4 g di sali minerali.

Io uso il multivit e picalmix della Pagnini.


Come preparare il tutto?

Versate l’acqua nel cous cous facendolo superare non più di un millimetro e lasciate che venga assorbito. Una volta che il cous cous ha assorbito il tutto, fatelo a pezzi con il cucchiaio e versatelo nel frullatore insieme alle uova con tutto il guscio e semi 24 h. in ammollo e poi fatti bollire per 5 minuti oppure, semi germinati per chi usa farli germinare preventivamente asciugati per evitare una sovrabbondanza di acqua e frullate il tutto. Una volta frullato non togliete subito il preparato dal frullatore, aspettate che si raffermi per qualche minuto per poi dare un’altra frullata in modo che diventi tipo pastoncino.

Per il complesso vitaminico in polvere, una volta che il cous cous ha assorbito l'acqua, aggiungete il quantitativo di multivit e picalmix su citato e frullatelo.

Dopo aver fornito il giusto quantitativo di cous cous ai vostri canarini, quello che avanza può essere conservato in frigo (preventivamente chiuso in un contenitore in modo che non si asciughi troppo) senza problemi anche per due tre giorni. Allevando canarini a fattore rosso, uso il cous cous per la colorazione in questo modo:

1) sciogliere 10g. di colorante per litro di acqua (carofil)
2) versare in un contenitore di plastica il quantitativo che basta di cous cous al giorno
3) versare il colorante preventivamente sciolto in acqua sul cous cous fino a coprirlo superandolo di circa 2-3 mm
4) aspettate che il colorante venga assorbito, poi fatelo a pezzi e versatelo nel frullatore e frullatelo aspettate che si raffermi per qualche minuto per poi frullarlo di nuovo.

Anche questo composto nel caso in cui ne avanzi, può essere conservato in frigo coperto per tre o quattro giorni senza problemi. Ovviamente se qualcuno di voi alleva sia rossi che gialli, fate attenzione a non usare gli stessi contenitori per i vari composti altrimenti potreste colorare anche quelli a fattore giallo.

Per quanto riguarda il frullatore una volta usato per il cous cous colorato, va lasciato pieno di acqua e candeggina per poi lavarlo il giorno successivo senza trovare più traccia di colorante. Mentre per i contenitori è consigliato usare uno per ogni prodotto.

......

I SEMI

Appena ho iniziato ad allevare, mi sono chiesto quale fosse il misto giusto per i miei canarini.C'era chi mi consigliava il misto di una certa marca e chi un'altra ma alla fine prendevo quello che trovavo dai fornitori della zona. Per qualche anno ho cambiato varie marche che all'apparenza erano identici. Durante i primi anni di allevamento, sia d'estate che d'inverno, subivo delle perdite di soggetti causa ventre gonfio e nero senza capire mai la causa.

Iniziando a frequentare le mostre ornitologiche e conoscendo altri allevatori, iniziai a chiedere consigli sull'alimentazione più giusta da somministrare ai miei canarini. Notai che ognuno di loro aveva una sua marca di mangime o una sua composizione fai da te. Iniziai a sentire le varie percentuali di semi da unire con opinioni diverse. Una cosa che mi restò impresso fu la percentuale molto alta cioè 80% di scagliola che prevaleva su altri semi in tutte le composizioni date.

Iniziai durante questi anni a comporre anch'io un misto più adatto possibile e nello stesso tempo più equilibrato. Finalmente da tre anni a questa parte, penso di essere riuscito a comporre un buon misto visto che i miei canarini non soffrono più di disturbi intestinali. Il misto è composto da: scagliola 80% per il restante 20% in parti uguali perilla bianca, girasole piccolo nero, avena decorticata e lino. Ho notato che colleghi allevatori non usano il girasole piccolo nero nel loro composto perché non lo ritengono utile.

Personalmente ritengo sbagliato la loro scelta perché in questi anni ho riscontrato i benefici di quel seme sotto forma di lucentezza di piumaggio e in più, contiene molte vitamine proteine e sali minerali. Il girasole che somministro ai miei canarini è un prodotto biologico coltivato da me. L'alimentazione è uno dei componenti fondamentali del ciclo della vita dei nostri beniamini che va curato con attenzione insieme all'ambiente e al patrimonio ereditario. Sotto vi allego le foto del mio misto così potete giudicare voi.

pastoncino e semi